Laici Missionari Comboniani

Incontro di formazione e condivisione con Padre Tesfaye Generale del MCCJ

CLM-Kenya

Salve santi!

Ricevete i più calorosi saluti dai Laici Missionari Comboniani – Kenya. Ci auguriamo che tutti voi abbiate trascorso il miglior San Valentino e un meraviglioso inizio di Quaresima.

Lo scorso fine settimana, da venerdì 16 febbraio a domenica 18 febbraio, abbiamo avuto il nostro incontro mensile di formazione delle LMC-K. Il tema di questo mese era “Qual è la nostra identità di laici missionari comboniani?”. Ci sono tre aspetti da considerare: L’approccio spirituale, il carisma comboniano e l’aspetto umano.

Per quanto riguarda l’aspetto umano, abbiamo imparato che l’identità cresce dal discernimento. Tutti noi dobbiamo riflettere sui nostri valori, su ciò che conta di più e su ciò per cui ci impegniamo. È importante il modo in cui ci si vede. La nostra identità condiziona le decisioni che prendiamo. Prendere decisioni senza discernimento causa conflitti, infelicità e malcontento nella vita. Abbiamo anche imparato che il nostro ambiente ha un impatto sulla nostra identità. Come dice la dottoressa Asfia Qaadir, “le nostre radici ci tengono a terra e ci aiutano a ricordare ciò che conta davvero alla fine della giornata”.

Per quanto riguarda l’approccio spirituale, abbiamo riflettuto su varie scritture che ci dicono cosa Dio pensa di noi. Una delle mie preferite è Proverbi 139:14: “Ti lodo perché sono fatto in modo meraviglioso e pauroso; le tue opere sono meravigliose, lo so bene”. Un altro preferito è 1° Pietro 2:9: “Ma voi siete un popolo eletto, un sacerdozio regale, una nazione santa, un popolo che appartiene a Dio, perché possiate proclamare le lodi di colui che vi ha chiamati dalle tenebre alla sua luce meravigliosa”. Se Colui che ci ha creati a sua immagine e somiglianza ci stima così tanto, come osiamo mettere in dubbio il suo giudizio? La nostra identità è in Cristo e per la sua grazia e misericordia ci ha riconosciuti degni.

Infine, sul carisma comboniano, abbiamo riflettuto sulla vita di San Daniele Comboni. San Daniele Comboni scriveva: “Dobbiamo invece pregare per salvare molte anime e andare in cielo, non da soli ma con una grande folla di convertiti”. Queste e molte altre parole di San Daniele Comboni parlano del suo cuore e della sua identità. Ha fatto tanti sacrifici, viaggiando avanti e indietro attraverso il deserto, le sofferenze che ha sopportato: malattie tropicali, fame, povertà, barriere linguistiche, opposizione e altro ancora. Eppure, non si è arreso. Ordinato sacerdote alla giovane età di 23 anni, divenne vescovo e in seguito formò le suore Comboniane che lo aiutarono nel suo lavoro missionario a Khartoum, nel Sudan meridionale. San Daniele Comboni dedicò la sua vita al servizio dei poveri e dei più abbandonati fino alla morte. Ogni mattina viveva per la gloria di Dio. Questa era la sua identità. Come LMC-K, dobbiamo conformare la nostra vita al grande esempio che ci ha dato il nostro fondatore. “Dunque, sia che mangiate, sia che beviate, sia che facciate qualsiasi cosa, fate tutto per la gloria di Dio”. 1 Corinzi 10:31.

Anche questo fine settimana è stato molto speciale per noi. Domenica abbiamo avuto una visita e una seduta con il generale del MCCJ P. Tesfaye e il suo assistente Fratel Alberto. Erano accompagnati da P. Juanma e P. Christopher. È stato molto bello condividere con loro il tema dell’identità. Ciò che ha reso il tutto più speciale è la loro esperienza nel corso degli anni. La loro condivisione ha parlato della bontà del Signore. Siamo così grati a voi, Padre Generale Tesfaye, Fratello Alberto, Padre Juanma e Padre Chris, per aver trovato il tempo di incontrarci.

Infine, desideriamo ringraziare tutti i sacerdoti comboniani di stanza presso la Holy Trinity Catholic Parish Kariobangi per averci ospitato a cena sabato sera. Vorremmo anche fare i nostri migliori auguri alla nostra provincia MCCJ durante la loro assemblea annuale che è iniziata lunedì 19 febbraio e durerà fino a venerdì 23 febbraio.

1 Pietro 1:3-5, San Pietro scrisse ai cristiani dicendo: la risurrezione di Gesù Cristo dai morti è un’eredità che non potrà mai perire, rovinarsi o svanire, custodita in cielo per noi. In questo tempo di Quaresima, riflettete sulle sofferenze di nostro Signore e siate pieni di speranza sapendo che Cristo risorgerà dai morti e che in lui siamo stati fatti nuovi.

Cordiali saluti,

Cecilia Nyamu, Laica Missionaria Comboniana – Kenya

Grazie, Signore !

LMC Ghana

Sì, dobbiamo ringraziare il Signore in ogni momento e più intensamente in certi momenti speciali. È il caso della nostra provincia del Togo-Ghana-Benin.

Padre Leopoldo, MCCJ ha svolto un ottimo lavoro con il gruppo LMC nella provincia. con lui abbiamo iniziato a farci conoscere agli altri MCCJ come candidati LMC e successivamente come LMC. Siamo stati invitati agli incontri zonali del MCCJ ad Accra. Abbiamo partecipato anche all’inaugurazione del postulato a Kaneshie, Accra. Con lui abbiamo cominciato a girare la provincia per un’esperienza pastorale e missionaria. Abbiamo iniziato a Cape Coast (Repubblica del Ghana), ci siamo trasferiti a Esse-Ana (Repubblica del Togo) e abbiamo partecipato all’Assemblea Continentale della LMC a Cotonou (Repubblica del Benin). Abbiamo avuto altre esperienze a Mafi-Kumase che hanno consolidato la nostra vocazione di LMC. A tutto ciò si aggiunge la promessa di tre membri come LMC il 10 ottobre 2022 e un altro il 3 dicembre 2023.

Siamo così grati al Signore per tutto questo.

La notizia del suo trasferimento ci ha un po’ scoraggiato ma già prima della sua partenza ci è stato presentato un nuovo cappellano nella persona del reverendo padre Ephrem Badou. Perché non dovremmo lodare il Signore per le cose meravigliose che ha fatto per noi?

Il giorno in cui ci è stato presentato il nuovo cappellano, avevamo due nuovi candidati, Elisabeth Kpanazo e Gabriel Agbeewornu. Oh!!

Come posso ringraziare il Signore per tutto quello che mi ha fatto? Prenderò il calice della salvezza e invocherò il nome del Signore” Sal 115, 3-4.

Affinché il Signore continui ciò che ha iniziato in Padre Leopoldo nella sua nuova missione, affinché Padre Efrem ci conduca a diventare LMC “santi e capaci.”

Interceda per noi San Daniele Comboni. AMEN!

Justin Nougnui, LMC.

Buon anno da Kitelakapel :)

LMC Kenia

Auguri da Kitelakapel!

Speriamo che stiate bene. Noi stiamo benissimo. Stiamo iniziando il nuovo anno scolastico. Linda e Pius tornano nelle scuole per insegnare “abilità di vita”. Io passo sempre più tempo negli ambulatori. Sto aspettando pazientemente il mio permesso di lavoro ufficiale. Anche il nostro lavoro pastorale, il progetto Why Blue Sky a sostegno degli insegnanti, torna a svolgersi regolarmente.

Le ultime tre settimane, a cavallo tra il vecchio e il nuovo anno, le abbiamo trascorse in viaggio. Subito dopo il Natale, trascorso a Kitelakapel, siamo andati nella regione del Turkana, abitata dall’omonima tribù. Ci siamo andati insieme a Guilia e Hani che sono venuti a trovarci di nuovo 🙂 . Siamo andati a visitare due missioni comboniane a Lokichar e Lodwar. Costruite da zero dai missionari comboniani. In mezzo al nulla. A Lokichar c’è una chiesa, una scuola e un centro per bambini con varie disabilità. Nei villaggi vicini ci sono altre scuole costruite dai Comboniani e consegnate alla popolazione. Lo stesso vale per Lodwar. Scuole, cappelle, centri sanitari. Dalla gente alla gente. Creati con amore per servire gli altri.

Lunedì siamo tornati da Nairobi. Abbiamo trascorso una settimana lì, espletando varie formalità, ma anche conoscendo numerosi progetti, come un centro per bambini nel mezzo della più grande baraccopoli dell’Africa, gestito da un nostro amico della comunità LMC, o la casa per bambini di strada Kivuli Center, fondata dal sacerdote diocesano Kizito. Come comunità internazionale, abbiamo anche partecipato all’incontro annuale del gruppo LMC del Kenya. Insieme abbiamo valutato il 2023 e pianificato il 2024. Durante l’incontro sono stati eletti i nuovi leader e, durante la Santa Messa solenne, una delle candidate, Mercy, è diventata ufficialmente una laica missionaria comboniana. È incredibile quanto ci sentiamo parte di questo gruppo.

Abbiamo diverse idee in testa e workshop programmati. Il nuovo anno si preannuncia intenso. Vi terremo aggiornati su ciò che accade tra noi.

Marzena Gibek

Laica missionaria comboniana -Kitelakapel, Kenya

Buon anno Santi dal Kenya!

Kenya CLM assembly

Noi di LMC speriamo che il vostro 2024 stia andando benissimo.

Siamo grati a Dio per la sua grazia che ci ha accompagnato fino al nuovo anno e che continua a circondarci. La nostra comunità sta crescendo e non potremmo essere più felici! Sicuramente il Suo amore dura in eterno.

Quale modo migliore di pianificare il nuovo anno se non quello di riflettere sull’anno che è stato? Lo scorso fine settimana, da venerdì 12 gennaio a domenica 14 gennaio, si è svolta la nostra riunione annuale di LMC. È sempre così gioioso stare insieme. Durante questi tre giorni, abbiamo riflettuto sulle nostre attività e abbiamo elaborato nuove idee per il 2024, oltre a migliorare ciò che già facciamo. Abbiamo anche analizzato le nostre finanze e discusso le entrate e le uscite. Siamo grati a Dio per la sua provvidenza. Siamo particolarmente grati per le persone come voi e me che Dio ha chiamato a sostenere i “più piccoli” nel suo Regno. Nel 2024, preghiamo per avere più Grazia. La grazia di rinunciare a più di noi stessi per il Regno, la grazia di servire nelle situazioni più difficili e la grazia di vivere come ha fatto Cristo – amandoci l’un l’altro senza misura.

Abbiamo anche avuto l’incarico di una delle nostre sorelle. Dopo due (2) anni di formazione, Mercy Chepoghisho è ora un membro a pieno titolo dei Laici Missionari Comboniani. È stata formata, è stata battezzata ed è ora pronta per essere inviata a compiere l’opera del Signore. Siamo tutti molto orgogliosi di lei. Che la sua fede possa sempre illuminare il suo cammino.

Domenica abbiamo avuto l’invio di due Comboniane secolari per il lavoro missionario in Uganda. Lucy e Ruth. Auguriamo loro ogni bene.

Questo nuovo anno è stato anche l’anno delle elezioni per le LMC. Come parte dello statuto di LMC, i leader eletti devono servire per un mandato di due anni rinnovabile. Siamo grati ai nostri responsabili che hanno svolto egregiamente il loro ruolo negli ultimi due anni. I nuovi responsabili di MCL sono P. Maciej Zielenski – Assessore/Capellano, Martin Juma – Coordinatore, Maria Ajiambo – Segretaria e Mukami Muthee – Tesoriere. Martin, Maria e Mukami saranno i nostri rappresentanti fino al gennaio 2026, quando si terranno le prossime elezioni. Congratulazioni a tutti e tre.

Vorremmo cogliere l’occasione per ringraziare l’MCCJ, che ci ha generosamente ospitato per tutto il fine settimana. Grazie per l’ospitalità e le risorse che ci avete messo a disposizione. Le nostre parole non sono sufficienti, ma possa il nostro buon Signore ricordarsi di voi per la vostra ospitalità.

Abbiamo avuto un ottimo inizio d’anno e siamo tutti molto fiduciosi per il 2024.

Che Gesù Eucaristico sia sempre la nostra forza. (San Daniele Comboni – Scrittura 6044).

Cordialmente, Cecilia Nyamu

Laica Missionaria Comboniana – Kenya.