Famiglia Comboniana

Incontro dei Consigli Generali della Famiglia comboniana a Pesaro

Consejos generales familia comboniana 2018

L’incontro della Famiglia comboniana si è tenuto a Pesaro (Italia) il 2 e 3 giugno e ha visto riuniti, come sta diventando ormai abituale, i Consigli Generali delle Comboniane, delle Secolari, dei Comboniani e il coordinatore dei Laici Missionari Comboniani. Prendendo spunto dal tema del prossimo Sinodo, si è riflettuto su giovani e vocazione missionaria.

Erano stati invitati a condividere la loro esperienza di lavoro nella pastorale giovanile e nell’accompagnamento vocazionale la secolare Maria Pia dal Zovo, Suor Daniela Serafin e P. José de Jesús Villaseñor. Tutti e tre hanno insistito sulla necessità di un approccio al mondo giovanile che sia diverso, che si apra all’ascolto attento dei sogni e delle aspettative dei giovani. L’esperienza religiosa dei giovani oggi è molto diversa da quella delle generazioni precedenti e questo può creare delle difficoltà se si vuole comunicare la missione come esperienza di vita.

Nella seconda parte dell’incontro sono state esaminate le ripercussioni del messaggio scritto lo scorso anno, “Oltre la collaborazione: sotto lo sguardo di Comboni”, ritenuto uno strumento utile per camminare assieme, per andare a fondo di alcuni ministeri comuni già avviati e individuarne altri. Sono state brevemente discusse le proposte emerse dal Foro Comboniano, svoltosi recentemente a Salvador de Bahia. Si tratta di intuizioni valide per continuare ad elaborare un cammino come Famiglia in un settore così urgente e missionario come quello di Giustizia, Pace e Integrità del Creato (GPIC).

Jeremías dos Santos Martins ha fatto una breve presentazione del carisma comboniano e subito dopo c’è stato un momento di condivisione su quali elementi carismatici siano sentiti come più forti in questo momento.

Alla fine tutti i partecipanti hanno espresso soddisfazione per questi incontri che favoriscono la conoscenza reciproca e lo sviluppo di attività concrete.

Il cuore di Gesù – Missione dalla compassione

Corazon de Jesus ComboniMosso a compassione, stese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, guarisci!» (Mc 1,41)

Questa semplice azione di Gesù è piena di significato ed esprime con forza il suo atteggiamento verso gli emarginati. È anche un atto di ribellione contro l’ingiustizia basata su un sistema socio-religioso di esclusione. Così il Padre si rivela a noi (Col 1,5), in un Figlio che, percorrendo le strade della Palestina, osa toccare un lebbroso per guarirlo. Marco, già nel primo capitolo, ci rivela come sia capace di amare Cristo, con un cuore che trabocca di compassione, il volto di Dio visibile che lo ha inviato (Mc 1,1).

La devozione al Cuore di Gesù è, fin dalle origini del nostro Istituto, una fonte di spiritualità dove la nostra missione è saldamente radicata. In essa entriamo nell’intimità della persona di Gesù, nei suoi atteggiamenti, nei suoi desideri e nella visione del mondo nuovo che le Beatitudini annunciano. Pertanto, la loro contemplazione ci rivela il nucleo della nostra vita consacrata: la centralità dell’amore di Dio come chiave di lettura della Storia della Salvezza. Un amore che si incarna e si definisce come passione totale per l’umanità (AC 2015, n. 22). Per approfondire questo mistero la preghiera personale è uno spazio qualificato perché è un incontro intimo con Gesù in umiltà. Diventa così un’esperienza di perdono, di accoglienza e di gratuità, che ci trasforma e ci modella secondo il suo Cuore.

Il Cuore trafitto del Buon Pastore ci chiama al dono costante di noi stessi, con tutto ciò che siamo. La missione è offrirsi senza aspettarsi nulla in cambio, svuotare la propria vita per gli altri. Questa è la nostra consacrazione: fare della nostra vita uno strumento della misericordia del Padre incarnato nel carisma dato a Comboni. La nostra storia, con tutti i suoi limiti e le sue incoerenze, ci lascia testimonianze indelebili di confratelli che hanno consumato la loro vita fino alla fine per la causa del Vangelo. Uomini che si sono lasciati modellare in un ciclo di conversione permanente attraverso l’esperienza di relazione con l’amore del Padre, diventare pane per gli affamati e speranza per i disperati (AC 2015, n. 14).

Marco ci parla della vita di un uomo che ha come caratteristica principale la compassione, perché questo è il volto che il Padre ha voluto mostrarci. La sua attenzione ai più poveri diventa così un elemento costitutivo della missione della Chiesa. Un aspetto chiaramente presente in Comboni (S 2647). La contemplazione del Cuore di Gesù ci spinge ad una particolare vicinanza agli esclusi e ci chiama a cercarli in nuovi ambiti, dove la vita è messa ai margini. Allo stesso tempo, il nostro stile di vita, che può essere un ostacolo al dinamismo e alla flessibilità della missione di oggi, viene messo in discussione. Tutta la nostra attività e riflessione devono venire dal basso, a contatto con l’umanità inchiodata alla croce. Questa è l’espressione più radicale della totale donazione del Figlio ed è ancora oggi molto presente in alcuni dei paesi in cui operiamo che subiscono la guerra o altre forme di violenza. La nostra presenza missionaria è segno dell’amore che sgorga dal Cuore di Gesù (RV 3.3).

Comboni, uomo segnato dall’esperienza religiosa del suo tempo, ha sviluppato una propria dimensione missionaria della spiritualità del Cuore di Gesù. Il dono totale del Padre nel Figlio è un segno d’amore che ci apre ad una nuova speranza. Il Regno è un programma di liberazione della vita in pienezza (S 3323). Questa profonda convinzione lo portò a percorrere migliaia di chilometri attraverso il Nilo e il deserto, mettendo in pericolo la sua vita perché il Cristo trafitto è anche fonte di vita per i più lontani. L’audacia del nostro Fondatore nell’aprire nuove frontiere all’evangelizzazione fa parte della nostra spiritualità e missione. La rivisitazione della Regola di Vita è anche un’opportunità per crescere nella passione per il Vangelo alla ricerca dei dimenticati.

Le sfide del mondo di oggi rendono urgente la nostra missione. Viviamo in tempi pieni di aspettative e desideri di nuove strutture politiche, economiche o sociali. C’è una ricerca profonda e sincera di senso, ma che facilmente cade in risposte effimere che portano solo all’alienazione o al nichilismo. La follia del Vangelo (1 Cor 1,25) trasforma il cuore e il mondo; il nostro Istituto continua ad essere chiamato a camminare, con la compassione di Gesù, a toccare i lebbrosi di oggi.

La festa del Sacro Cuore ci dia la grazia di continuare a crescere nell’amore.

Il Consiglio Generale, mccj

Forum Sociale Mondiale e Forum Comboniano

Messaggio finale dei membri della Famiglia Comboniana

partecipanti al Forum Sociale Mondiale e al Forum Comboniano

RESISTERE È CREARE – RESISTERE È TRASFORMARE

Ministerialità e lavoro in rete /collaborazione nella Famiglia Comboniana e con le altre organizzazioni

Salvador de Bahia, 10-19 marzo 2018

 

FSM y FCNoi laici, suore, fratelli e padri missionari comboniani, che abbiamo partecipato al FSM e al FC, vi salutiamo da Salvador, terra di resistenza nera e di culture afrodiscendenti, con un cuore pieno di gratitudine e di speranza. Dal 10 al 19 marzo 2018 abbiamo vissuto insieme un’esperienza forte e unica partecipando al FSM, che aveva come tema “Resistere è creare – resistere è trasformare” e all’VIII FC sul tema “Ministerialità e lavoro in rete/collaborazione nella Famiglia Comboniana e con le altre organizzazioni”. Ringraziamo in modo particolare i nostri consigli generali che insieme ci hanno scritto un messaggio d’incoraggiamento per l’impegno nella GPIC e per la nostra partecipazione al FSM come esperienza del vissuto del nostro carisma nelle sfide del mondo di oggi.

La nostra partecipazione è stata rilevante e numerosa: 53 persone provenienti da Africa, Europa e America. Abbiamo sperimentato la grande ricchezza del nostro carisma nella varietà dei nostri impegni. Per la prima volta hanno partecipato anche rappresentanti dei giovani in formazione nello scolasticato e nel CIF con un loro formatore. Ringraziamo anche per le risposte ricevute da quattro scolasticati al questionario che il comitato centrale aveva mandato con l’obiettivo di comprendere quanto i temi di GPIC sono presenti nella formazione. Riaffermiamo l’impegno di coinvolgere sempre di più le persone in formazione e i formatori sui temi di GPIC e nelle dinamiche del FSM e del FC.

Nel FSM abbiamo presentato come Comboni Network quattro workshop: Land grabbing, Estrazione mineraria, Situazione socio-politica della RDC e del Sud Sudan, Superamento della violenza e discriminazione di genere. Questo ci ha permesso di condividere nella metodologia del FSM il nostro impegno come missionari e missionarie per un altro mondo possibile. Uno stand, preparato da noi, ci ha permesso di fare animazione missionaria, di incontrare e dialogare con tante persone e farci conoscere da loro. Tra i numerosi workshop proposti dal FSM, abbiamo seguito con interesse I nuovi paradigmi, Teologia e liberazione, Giovani, Resistenza dei popoli originari e afro-discendenti, Migrazioni. Durante lo svolgimento del Forum, abbiamo anche partecipato all’assemblea mondiale delle donne. Il FSM si è svolto in un clima di festa, interrotto dall’uccisione di due attivisti dei diritti umani: Marielle Franco a Rio de Janeiro e Sergio Paulo Almeida do Nascimento a Barcarena, stato del Parà.

Il Forum Comboniano si è svolto nel segno della continuità con gli incontri precedenti. Le giornate sono state scandite da momenti inculturati di spiritualità, durante i quali abbiamo celebrato la vita, le sofferenze e le speranze, in sintonia con le realtà dei Paesi di provenienza e con quelle incontrate al Forum. Ci siamo interrogati sul bisogno di approfondire la riflessione sui nuovi paradigmi della missione, di consolidare questa esperienza come famiglia comboniana e di poter dare maggiore spazio di partecipazione ai laici e alle laiche. In questa riflessione siamo stati accompagnati e animati da Marcelo Barros, che ha condiviso lo stato attuale della teologia e liberazione, e Moema Miranda, che, dopo un’analisi della realtà mondiale, ha indicato alcune luci per il cammino proposte dalla Laudato Si’. Di fronte a un neoliberalismo senza limiti, l’invito è stato a mettere in dialogo i poveri e a consolidare la fede alla presenza dello Spirito di Dio che cammina con noi nella storia.

Interpellati da quello che abbiamo vissuto, proponiamo di:

Pubblicare un libro che raccolga la storia e le esperienze di questi undici anni di Forum Comboniano, indicando cammini per il futuro.

Ampliare il coordinamento del Comboni Network per un migliore servizio di sensibilizzazione e formazione sui temi di GPIC.

Realizzare un Comboni Social Forum continentale per mettere a confronto le diverse realtà nelle quali siamo impegnati.

Creare un fondo economico per sostenere le attività legate all’impegno di GPIC.

Consolidare una piattaforma on line in cui raccogliere e condividere esperienze e materiale sui temi di GPIC.

Dopo questa esperienza, sentiamo ancora più forte l’importanza di ritrovarci per una maggiore collaborazione tra di noi, per confrontarci come Famiglia Comboniana e come persone impegnate in ambiti diversi ma uniti nell’impegno di GPIC per cercare nuovi cammini di ministerialità e nuovi paradigmi della missione.

Salvador de Bahia

19 marzo 2018

Per una storia fatta di nomi

PalermoIl lavoro che realizziamo come missionari e laici missionari comboniani nella realtà delle migrazioni è essenzialmente fatto in rete insieme con associazioni, organizzazioni e movimenti, ecclesiali e sociali, impegnati sul territorio nel riconoscimento e nella difesa dei diritti dei migranti e dei rifugiati.

Dal settembre 2013 il porto di Palermo è entrato a far parte del circuito degli approdi del Mediterraneo dove sbarcano i migranti provenienti dall’Africa e da altri paesi. Siamo presenti, durante lo sbarco, nella distribuzione di un kit di biancheria, scarpe, più una busta con un panino, una mela e una bottiglia d’acqua, cercando di stabilire un contatto con le persone che arrivano. La nostra presenza non vuol essere soltanto un supporto materiale, ma anche una raccolta di informazioni sul trattamento riservato alle persone in arrivo, già provate da esperienze indicibili prima e durante il viaggio in mare, del tutto ignare di quanto gli riserva l’Italia.

Assieme ai vivi, purtroppo, in molte occasioni sono arrivati anche i corpi di migranti morti in mare. Sin dall’inizio la nostra preoccupazione è stata quella di seguire l’iter di questi corpi sino a una tumulazione degna nel cimitero di Palermo.

PalermoOggi anno a novembre, in occasione della commemorazione dei defunti, la società civile insieme con i rappresentanti delle diverse religioni si ritrova per una celebrazione interreligiosa in loro memoria. Una solidarietà alle vittime per denunciare le cause che producono la loro morte, tra cui i patti scellerati dell’Italia e, dietro l’Italia, l’Europa, con La Libia e altri paesi terzi che lavorano per bloccare e respingere i migranti.

Riconosciamo con preoccupazione il diffondersi di una cultura che crede nell’esclusione. Oggi le persone si sentono liberate da ogni dovere sociale, da ogni vincolo con gli altri, da ogni prospettiva comune. È urgente rimettere al centro le storie e la vita dei migranti per contrastare il razzismo e la xenofobia, che si sostengono su affermazioni false e su un’informazione controllata e manipolata dai Mass Media. Attraverso dei percorsi che realizziamo nelle scuole e nelle parrocchie, presentiamo le storie dei migranti ripercorrendo le tappe dei loro viaggi: i motivi della partenza, la permanenza in Libia che stravolge e sconvolge le loro vite per sempre, l’attraversamento del mare Mediterraneo e l’arrivo in Italia, dove finiscono per essere trasformati in numeri. Andare oltre la menzogna, riconoscere e difendere i diritti delle persone migranti, sono passi importantissimi nella costruzione di una società interculturale e multiculturale.

In collaborazione con Enti Civili e/o ecclesiali, condividiamo spazi fisici abitativi per i migranti e progetti di accoglienza diffusa con l’obiettivo di generare incontri e una relazione con il territorio. Nell’accoglienza ci sono criticità legate soprattutto all’eccessiva durata della permanenza nei centri di prima accoglienza e all’esiguo numero sia di strutture dedicate che di posti nello SPRAR. L’inserimento dei migranti, in moltissimi casi, diventa “una vera lotteria”. Riflettere sui migranti significa ripensare le nostre strutture, siano esse sociali, politiche o ecclesiali. Avere il coraggio di cambiare l’ordine attuale delle cose.

PalermoInfine, la denuncia profetica di quanti (persone e istituzioni) speculano sulla disperazione dei migranti, sfruttando la loro forza lavoro e di quelli che, agendo nel sottobosco della politica, riescono a impadronirsi dei fondi stanziati per le strutture d’accoglienza, è un elemento costante della nostra presenza.

“Ogni volta che costruisci un muro pensa a quello che lasci fuori”, scriveva Calvino. Quello che oggi può sembrare una protezione, domani diventerà una prigione. La vita si sviluppa e cresce oltre il muro. Se la paura è contagiosa, lo sono anche il coraggio e la speranza.
P. Domenico Guarino
Palermo febbraio 2018